sedia
sedia
sedia
sedia
sedia
sedia
sedia
sedia
sedia
sedia
sedia
AAA

Conversazioni sul Design

sedia
sedia
sedia
sedia
sedia
sedia
sedia
sedia
sedia
sedia
sedia
sedia

Una iniziativa del Laboratorio AnimazioneDesign - Alghero

sedia
sedia
sedia
sedia
sedia
sedia
sedia
sedia
sedia
sedia
sedia
sedia

* Illustrazioni di Bruno Munari

DesignDuo 04

Disordinatamente e sottovoce

La grafica ed i suoi modi oggi

 

27

giugno 2017

DesignDuo riparte con l'appuntamento del 27 giugno 2017: l’incontro con Jonathan Barnbrook e Isidro Ferrer.

Modera Nicolò Ceccarelli.

Alghero, Complesso di Santa Chiara, Aula VII

ore 18:30

Jonathan Barnbrook

Jonathan Barnbrook

Tra i grafici più in vista sulla scena internazionale, Jonathan Barnbrook ha prestato la sua originale intelligenza progettuale a molte figure di primissimo piano in ambito artistico e musicale.

Collaborando, per esempio con l’artista contemporaneo Damien Hirst, o realizzando una provocatoria installazione nell’iconico parco a tema Dismaland – opera di Bansky, il più famoso street artist del mondo – con David Bowie, per cui poi realizzato le copertine di diversi dischi di (fino all’ultimo, Black Star, per cui ha da poco ricevuto un Grammy Award).

Uno degli aspetti di maggiore interesse del suo lavoro è l’invenzione di elementi visuali per una grammatica elementare ed aperta: elementi che, una volta messi a disposizione del pubblico su piattaforme di condivisione come Creative Commons, non hanno mancato di stimolare re-interpretazioni e rielaborazioni a catena, generando risultati di inaspettata partecipazione sui social network.

Isidro Ferrer

Isidro Ferrer

Più legato alla grafica editoriale e all’uso combinato di fotografia e tipografia, il lavoro di Isidro Ferrer ripercorre in chiave contemporanea il nobilissimo filone di grandi interpreti – ricordiamo tra gli altri Saul Steinberg, Milton Glaser e Jirí Trnka – che, tramite l’assemblaggio e la composizione sperimentale di figure, oggetti e tecniche differenti, hanno elevato la grafica di copertine e poster a raffinato racconto per immagini, producendo artefatti emblematici e senza tempo.

Isidro costruisce, letteralmente, i suoi lavori attorno a dispositivi visivi semplicemente sofisticati e bellissimi a cavallo tra bricolage, gioco artigianale e ready-made.


DesignDuo 03

Puoi farlo anche tu

Design tra autocostruzione ed autoprogettazione

 

26

giugno 2014

Puoi farlo anche tu: formula semplice un nuovo modo di pensare il design e le pratiche di produzione e consumo: per dire il concorso attivo nella costruzione dell’oggetto d’uso e, insieme, per suggerire la possibilità – o la necessità, l’utopia? – di un progetto partecipato e condiviso.

È il tema del terzo appuntamento DesignDuo, ciclo conversazioni sul design a partire da un approccio, un’esperienza, una linea progettuale. Partendo da (almeno) due diversi punti di vista e modi di pensare.

Alghero, Complesso di Santa Chiara, piazza Santa Croce

ore 19:00


Recession

Recession Design

È un collettivo internazionale di designer che ha sede a Milano, nato nel 2008, quando la crisi economica mondiale cominciava a profilarsi come imprescindibile scenario presente e futuro.

Recession Design invita a cogliere la recessione come opportunità per analizzare e reagire ai modi del design nell’attuale contesto economico, sociale e produttivo. Lo fa attraverso eventi pubblici provocatori e didattici – Salone del mobile di Milano, 2009 e 2010; MAK Museum di Vienna, 2010 – e mettendo insieme una collezione di oggetti-progetti che accorciano la distanza tra progettista utente, perché sono pensati e realizzati con semilavorati da bricolage, escludendo lavorazioni complesse, seguendo semplici istruzioni di montaggio.

Le si può scaricare da internet, o consultare raccolte nel volume Design fai da te, riedito quest’anno da Rizzoli.

Controprogetto

Controprogetto

Fondato a Milano nel 2003 da un gruppo di amici impegnati in un’esperienza di riqualificazione urbana, Controprogetto è un laboratorio di design e sperimentazione che promuove progetti in spazi pubblici, allestimenti e arredi su misura, realizzati con materiali di recupero attraverso percorsi di costruzione partecipata.

In queste occasioni, il materiale di scarto è inteso come risorsa positiva, ricca di vita, e come deposito di storie da riscoprire nei segni che il tempo scrive sulle cose. “Lavorando, abbiamo scoperto che sotto la pelle ingrigita dal tempo il legno resta protetto, e che la storia incisa nel materiale è ciò che lo rende unico: non sono difetti – affermano i membri del gruppo – ma elementi di carattere”.

Da loro viene un invito a capire praticamente le cose, toccandole, rigiocandole nell’uso, per trovare “nuovi usi, sensi e combinazioni in ogni briciola di materia”. Senza paura di sporcarsi le mani.


DesignDuo 02

Design con i designers

La professione oggi

 

5

giugno 2014

Secondo appuntamento DesignDuo: conversazioni a tema sul design su un approccio, un’esperienza, una linea progettuale.

Partendo da (almeno) due diversi punti di vista e modi di pensare. Design con i Designer: (almeno) 2 modi di fare questo mestiere - oggi, in Italia.

Alghero, Complesso di Santa Chiara, piazza Santa Croce

ore 19:00


Matteo Ragni

Matteo Ragni

Matteo Ragni si è laureato in Architettura al Politecnico di Milano. Nel 2001 ha vinto con Giulio Iacchetti il Compasso d’Oro per “Moscardino”, ora nella Collezione Permanente del Design del New York MOMA.

Con la lampada da tavolo/ferma libri Leti (Danese) ha vinto il Wallpaper Design Award ’08. Sempre nel 2008 ha fondato TobeUs, marchio di macchinine in legno prodotte artigianalmente in Italia che vuole essere un manifesto per un consumo consapevole.

Per Corraini ha pubblicato “Camparisoda: l’aperitivo veloce futurista, da Fortunato Depero a Matteo Ragni” per celebrare i 100 anni del Futurismo e, nel 2012, il libro “Wallpaper Celebrations”. Sempre nel 2012 ha vinto il Premio Nazionale per l’Innovazione “Premio dei Premi” per il progetto W-eye.

Nel 2013 l’Istituto Italiano di Cultura di Toronto ha ospitato la mostra “Matteo Ragni: Almost 20 Years of Design”. Oltre al designer, si occupa di architettura, art direction, e di docente in diverse università internazionali.

Lorenzo Palmeri

Lorenzo Palmeri

Lorenzo Palmeri, architetto, si occupa di progettazione. E’ attivo nel campo del design, dell’architettura, e dell’art direction. Insegna, fa e produce musica.

Tra i suoi maestri Bruno Munari e Isao Hosoe con cui ha collaborato per diversi anni. Ha progettato tante cose: abitazioni, chitarre, lampade, vasi, tavoli..., passando per la direzione artistica delle aziende fino ai cioccolatini. Come art director ha seguito vari progetti e percorsi aziendali, tra cui Milanosoundesign (con Giulio Iacchetti); 16 designer per Invicta, 2007; DesignRe (con Giovanni Pelloso); Lefel (progetto di design dell'editore Feltrinelli) 2009-2010; Arthemagroup, 2010; Stone Italiana dal 2012.

Dal 1997 ai occupa di didattica, insegnando presso in scuole di design nazionali e internazionali. In campo musicale ha scritto colonne sonore per teatro e installazioni. Nel 2009 è uscito l'album “preparativi per la pioggia”, e al momento è impegnato nel lancio del nuovo album “erbamatta”. Ha partecipato a numerose mostre collettive e personali e i suoi progetti hanno vinto e sono stati selezionati per importanti premi nazionali ed internazionali, tra cui il Good Design Award e diverse edizioni dell'Adi Design Index.


DesignDuo 01

Design senza designers

Riflessioni su Artigianato e Design anonimo

 

16

aprile 2014

Il ciclo DesignDuo parte il 16 Aprile 2014, con l’incontro: Design senza Designers: riflessioni su artigianato e design anonimo con Alberto Bassi e Roberta Morittu

modera Nicolò Ceccarelli

Alghero, Asilo Sella, Lungomare Garibaldi

ore 19:00


Alberto Bassi

Alberto Bassi

Alberto Bassi, nato a Milano nel 1958, si occupa di storia e critica del design. E’ professore associato alla Facoltà di Design e Arti Iuav di Venezia e direttore del Corso di laurea in disegno industriale della Facoltà di Design e Arti IUAV di Venezia e dell’Università degli studi di San Marino (laurea congiunta, sede San Marino).

Fa parte della redazione di “Casabella”; collabora con riviste di settore, come “Auto & Design”, con l’inserto domenicale del quotidiano “Il Sole 24 ore” e con “Il fatto quotidiano”.

Fra i volumi pubblicati, Giuseppe Pagano designer (con L. Castagno, Laterza 1994); La luce italiana. Il design della lampade 1945-2000, Electa 2003; Antonio Citterio industrial design, Electa, Milano 2004; Design anonimo in Italia. Oggetti comuni e progetto incognito, Electa, Milano 2007; Design. Progettare gli oggetti della vita quotidiana, Il Mulino, Bologna 2013.

Roberta Morittu

Roberta Morittu

Designer ed esperta di artigianato tradizionale. La sua attività professionale si è concentrata principalmente sulla ricerca nel settore della tessitura tradizionale e dell’intreccio delle fibre naturali.

Nel 2001 è co-fondatrice del marchio Imago Mundi. Ha curato la realizzazione di diverse iniziative legate all’artigianato e al design, in Italia e all’estero: Maison&Objet, Parigi; Pitti Casa, Firenze; MACEF e Salone del Mobile, e in particolare Domo - XIX Biennale dell’Artigiananto Sardo, manifestazione vincitrice del premio Compasso d’oro. E’ responsabile scientifica e animatrice dell’Archivio dei Saperi Artigianali del Mediterraneo (progetto ARTIMED - APQ Mediterraneo).

Negli ultimi anni ha concentrato la sua attività professionale verso progetti di cooperazione con diverse realtà della sponda sud del Mediterraneo. Dal 2013 è docente incaricato del modulo di Interior Design presso il Dipartimento di Architettura, Design e Urbanistica (Alghero) dell’università di Sassari.

Chi siamo

Design ad Alghero

Il Dipartimento di Architettura, Design e Urbanistica riprende il suo percorso per la formazione universitaria nel design in Sardegna.

Per accompagnare questo cammino con idee, contatti e approfondimenti culturali, abbiamo organizzato un ciclo di incontri su alcuni dei grandi temi del design, e sullo sfondo dell’originale progetto didattico a cui stiamo lavorando: rileggere la grande risorsa dei saperi locali, di cui l’isola è ricca, attribuendo al design il compito di elaborare una sintesi tra tradizione e innovazione.

Design Duo

Da qui nasce DesignDuo, un ciclo di incontri basato sul formato di una conversazione aperta, con una coppia di ospiti.

Gli appuntamenti DesignDuo porteranno di volta in volta ad Alghero due personaggi rilevanti nel campo del design per avviare una conversazione a tema su un approccio, un’esperienza, una linea progettuale. Partendo da (almeno) due diversi punti di vista e modi di pensare.

DesignDuo è un progetto di Nicolò Ceccarelli e Marco Sironi

Interviste

Per chi non c’era, per chi non è potuto venire. Per condividere un po’ di quello che è venuto fuori, abbiamo realizzato una serie di brevi interviste con gli ospiti dei nostri Duo.