[Alt key + 1] Vai direttamente ai contenuti
[Alt key + 2] Vai direttamente al menu principale
[Alt key + 3] Vai direttamente al menu di secondo livello
la Scuola Didattica Ricerca Servizi Eventi
home
>
persone
>
docenti esterni
>
andreassi fabio

Fabio Andreassi

Docente a contratto nel corso di laurea in Architettura

Ricevimento
Per appuntamento
Insegnamenti

Corso: Piano e Progetto
Programma

Il corso si propone di fornire allo studente una conoscenza approfondita degli strumenti concettuali e metodologici necessari per progetto urbanistico in tutte le sue declinazioni e in diversi contesti di intervento. Il progetto è pertanto inteso come insieme di strategie per la trasformazione dello spazio urbano esistente seguendo quattro linee di intervento:
• interpretazione partigiana del contesto per evitare la decontestualizzazione e la conseguente sradicamento sociale;
• sostenibilità generale delle trasformazioni sotto gli aspetti tecnici, amministrativi, ambientale, paesaggistico;
• la coerenza del progetto ad una idea di città o ad una vision;
• la partecipazione intesa come strumento per la taratura del progetto secondo le istanze provenienti dagli abitanti e la condivisione delle scelte.
I temi ed i luoghi su cui svolgere il progetto saranno definiti di volta in volta, ma comunque saranno parti del “paesaggio storico urbano” inteso come ampio contesto urbanizzato che include la topografia, la geomorfologia, l’idrologia, le caratteristiche naturali, l’ambiente costruito, le infrastrutture, gli spazi aperti, i modelli di uso del suolo, la organizzazione spaziale, le percezioni e le relazioni visive, le pratiche ed i valori sociali e culturali, gli usi ed i costumi.
Posto a metà del processo formativo universitario, il corso intende fornire allo studente i seguenti saperi:
• saper impostare e scalare un progetto urbano sia per quanto riguarda l’organizzazione della struttura insediativa che la coerenza con gli spazi esistenti;
• saper valutare la coerenza tra il progetto, gli obiettivi predefiniti, i principi di sostenibilità e compatibilità con il contesto;
Per raggiungere questi saperi l’offerta didattica prevede moduli di lezioni teoriche ed esercitazioni progettuali.
I moduli di lezioni teoriche prevedono una serie di temi:
• lo stato disciplinare, con particolare attenzione alle modalità correnti e innovative di intendere la progettazione della città;
• il rapporto tra il contesto, la struttura urbana e il progetto con interpretazione del senso e delle identità dei luoghi, finalizzato alla costruzione di processi valutativi del livello di trasformabilità, nonché alla conoscenza di differenti modi di configurazione fisica e funzionale delle forme insediative.
L’esercitazione progettuale prevede l’elaborazione di una proposta in cui le singole fasi del processo progettuale vengono formalizzate in operazioni interpretative e conformative degli spazi urbani. In particolar modo sono previste le seguenti minime elaborazioni:
• struttura del contesto: analisi sistemiche;
• interpretazione del contesto: le condizioni di trasformabilità;
• definizione dei temi/problemi/opportunità
• configurazione degli assetti spaziali e funzionali.
L’esame è individuale e sarà incentrato sulla valutazione della proposta progettuale, che può essere anche svolta in piccoli gruppi, e sulla verifica delle conoscenze teoriche disciplinari acquisite.
Per l’Anno Accademico in corso si affronterà il tema generale delle città che crescono in cui sono compresenti processi di costruzione autorizzati e informali. Il luogo del progetto è la citta messicana di Querétaro e l’esercitazione riguarderà la redazione di un progetto urbanistico di recupero che prevede l’uso di indicatori valutativi contestualizzati. Verranno svolti dei seminari con docenti universitari dell’ITESM di Querétaro.

Curriculum

Architetto con specializzazione in Pianificazione Urbanistica. E’ professore a contratto presso la Università degli Studi di Sassari – Alghero e professore ospite stabile presso l’Università ITESM di Querétaro (MX), già professore a contratto nell’Università degli Studi della Calabria e di L’Aquila. Ha vinto premi scientifici, borse di studio internazionali e concorsi di progettazione. Ha scritto tre monografie e 33 articoli scientifici pubblicati anche nelle riviste ANVUR di classe A. E’ stato relatore di 20 tesi di laurea in Progettazione Urbanistica, alcune di esse hanno vinto concorsi nazionali di urbanistica. Settore e temi di ricerca ICAR 20-21: centri storici minori, insediamenti post disastri, insediamenti informali.
Settori di ricerca
Progettazione urbanistica:
- Centri Storici Minori: I processi di autocostruzione degli insediamenti storici minori, leggibili nella conformazione insediativa ultima, sono analizzati tramite una lettura urbanistica morfo-tipologica comparata del costruito e degli spazi aperti, che prevede l’uso di un set polisemico contestualizzato di indicatori valutativi che sono di supporto e verifica al progetto. Lo studio viene declinato inoltre negli ambiti territoriali marginali, in cui la decrescita strutturata della domanda implementa il ruolo dei quadri conoscitivi nella condivisione dei valori urbanistici tra i saperi esperti e comuni.
- Città post shock: a seguito del sisma del 2009 che ha colpito la città di L'Aquila, è stata avviata una ricerca sulle trasformazioni urbanistiche delle città colpite da shock. E’ stato introdotto nella letteratura disciplinare il concetto di "città evento".
- Città del centro America: è svolta un’attività di ricerca sugli insediamenti informali messicani che adottano conformazioni spaziali tipizzate anche in assenza di assetti preconfigurati. Viene analizzata la permanenza, nel sapere comune, di valori configurazionali capaci di produrre un percolato di soluzioni e di fatti urbani che rispondono alle esigenze antropologiche e relazionali basiche degli abitanti, che superano i limiti del contesto e derivano dai processi di autodeterminazione delle soluzioni possibili.
Progettazione architettonica:
- Analisi delle tendenze strutturanti del processo di urbanizzazione con interpretazione dei caratteri morfologici tipologici e percettivi del sistema insediativo che risultano compresenti anche nella progettazione architettonica. Il tema è volto alla concezione urbana degli edifici che devono comportarsi come organismi complessi. Si elabora una teoria della forma che rifiuta ogni soluzione aprioristica e l'applicazione pedissequa degli ismi, prospettando invece una personale ideazione legata alle contingenze del proprio tempo e del contesto pluriscalare di progetto. La visione dello spazio non segue le riduttive regole della normale prassi costruttiva, ma tenta di raggiungere i più elevati livelli di complessità polisemica.

Pubblicazioni

Monografie
1. Andreassi, F. e G.L. Rolli, G.L., (2008), “Salvare i centri storici minori. Proposte per un atlante urbanistico dei centri storici”, Edizioni Alinea;
2. Andreassi, F.,(2012), “La città evento. L’Aquila ed il terremoto: riflessioni urbanistiche”, Aracne editrice, ISBN 9788854846494
3. F. Andreassi, F., (2016), “Urbanistica e decrescita” Aracne editrice. ISBN 9788854872417
Articoli su riviste e contributi in monografie
4. Andreassi F., (1993), “Anni ’90: nuove proposte per l’urbanistica aquilana”. L’Industriale della provincia di L’Aquila
5. Andreassi F., (1993), “Fame di case e qualità urbana”. L’Industriale della provincia di L’Aquila
6. Andreassi F., (1993), “Urbanistica: tutto da rifare”. L’Industriale della provincia di L’Aquila
7. Andreassi F., (1994), “La nuova socialità negli spazi pubblici”. L'Industriale della provincia di L'Aquila
8. Andreassi F., (1995), “Il centro come un bazar”. Giornale Ab, Abruzzo n. 13
9. Andreassi F., (1996), “L'Aquila, una città da rifondare”, L'Industriale della provincia di L'Aquila n. 6
10. Andreassi F., (1996), “Il bel rigato di Buccella e Properzi”, L'Industriale della provincia di L'Aquila n. 2
11. Andreassi F., (1996), “Anni '90: nuove proposte per l'urbanistica aquilana”, L'Industriale della Provincia di L'Aquila
12. Andreassi F., (1998), “Nuovi strumenti urbanistici. Idee per ripensare una nuova città.” L'Industriale della provincia di L'Aquila
13. Andreassi F., (2004), “Centro storico e territorio: situazioni e prospettive”. In G.L. Rolli: “Conoscenze, rappresentazioni, recupero urbanistico dei centri storici minori” Edizioni Alinea;
14. Andreassi F. e D’Ascanio F., (2011), “Centro storico e percorsi strutturanti”, in LAURAq: “Spazi urbani strategici per la ricostruzione”, Monografia Online, INU edizioni, ISBN 978-88-7603-055-0
15. Andreassi F., (2012), “Dalla città evento al rifiuto urbanistico” in Atti XV Conferenza Nazionale Società Italiana, edizione Planum Magazine n. 25 ISSN 17823-0993
16. Andreassi F., (2012), “Il disastro culturale della ricostruzione aquilana” in Urbanistica Informazioni n. 243 ISSN 0392-5005
17. Andreassi F., (2013), “Ricostruzione a L’Aquila, l’auditorium di Ban è già un colabrodo” Il Giornale dell’Architettura n. 112 gennaio , Umberto Allemandi Editore, Torino
18. Andreassi F., (2013), “L'Aquila, La città evento del post terremoto. Un punto di vista”, rivista Ottagono, aprile 2013, ISSN 0391-7487
19. Andreassi F., (2013), “ La città evento. Nuova società e nuovi spazi pubblici. Il caso di L’Aquila”, in Atti XVII Convegno Internazionale Interdisciplinare “Utopie e distopie nel mosaico paesistico – culturale. Visioni valori vulnerabilità “ Udine, ISSN 1691 -5887 (1° premio PAN Ardito Desio 2013- sezione Pertinenza tematica)
20. Andreassi F. e Di Lodovico L., (2013), "Nuovi spazi pubblici e nuova società". in, Urbanistica Dossier n. 5/2013, ISSN: 2239-4222
21. Biondi S., Llamas M., Ortìz Claudia, Andreassi F., Di Ludovico D., (2013), “Social Capital and morphology of informality in the city of Querétaro (MX) in Atti Contemporary Urban Issues Conference, 4-6 novembre 2013, Istanbul, Turchia. ISBN: 978-605-5120-24-5
22. Andreassi F., Aristone O., (2013), "Rischio, emergenza e memoria: prove di dialogo" in Mario Cerasoli (a cura di) "9° Congresso Città e Territorio Virtuale. Il Libro degli abstract" Arcadia E-Press, 2013, ISBN 978-88-97524-09-0
23. Andreassi F., (2013), "L'Aquila. Il ruolo del grande patrimonio pubblico e del piano nella città post terremoto" in Atti XVI Conferenza Nazionale Società Italiana degli Urbanisti, Napoli 9-10 maggio 2013, in Planum. n. 27 vol. II 2013, ISSN 1723-0993
24. Andreassi F., Properzi P., (2014), The plan in addressing the post shock conflict. Proceedings Convegno INPUT 2014: Smart city, Planning for Energy, Trasportation and sustainability of the Urban System. Naples. in TeMa, Journal of Land Use, Mobility and Environment june 2014, ISSN 1970,9870,DOI: 10.6092/1970-9870/2479.;
25. Andreassi F., (2014), "Metabolismo emergenziale. L'Aquila, gli spazi pubblici e la tabula rasa nel post terremoto". In atti convegno Rebel Matters Radical Patterns, Genova,. ISBN-13 9788897752363, DOI: 10.13140/RG.2.1.3611.9520
26. Andreassi F, (2014), Nuove forme urbane post shock , in Atti XVII Conferenza Nazionale SIU, "L'Urbanistica Italiana nel mondo", Milano, 15-16 maggio, ISBN 9788899237004
27. Andreassi F., Aristone O., (2015), “Geografia e storia nei territori sensibili. Rischio, emergenza e memoria: prove di dialogo. In “Citta Memoria Gente" Roma. Arcadia, ISBN: 978-88-97524-15-1, DOI: 10.13140/RG.2.1.4922.6725
28. Andreassi F., Di Ludovico D., Biondi S., Llamas M. (2014), "Forma urbana e società nella città di Querétaro (MX). in atti 1° Conferenza nazionale "Esperienze e conoscenze. Progetti internazionali nei paesi emergenti". Roma, 4 febbraio. DOI 10.17382/QUERETARO
29. Andreassi F., (2015), “Che almeno ne resti il ricordo”, in Di Ludovico, Properzi P., in I materiali del Lauraq online, Roma, Inu Edizioni, ISBN: 9788894098563, DOI: 10.13140/RG.2.1.4398.3848
30. Andreassi F., D’Ascanio F., (2015), “Tra storia e documenti della ricostruzione in Abruzzo”, Atti XVI Conferenza Anidis, L’Aquila 13,17 settembre 2015, ISBN: 9788894098563, DOI: 10.13140/RG.2.1.3874.0960
31. Di Ludovico D., D’Ascanio F., Andreassi F., Properzi P., Di Lodovico L., Santarelli A., (2015), “La strada come snodo tra progetto urbanistico e spazi pubblici”, Atti 9°giornata di studio INU, Infrastrutture Blu e Verdi, Reti Virtuali, Culturali e Sociali, Networks. Rome, INU Edizioni, DOI: 10.13140/RG.2.1.4341.512
32. Andreassi F., (2015), “1975-2015. Il sapere comune e l'identità urbana nei 40 anni del PRG di L'Aquila”. In XVIII SIU, 45-45, Beni collettivi e protagonismo sociale. Milano, Planum Publicher, 2015, ISBN: 9788899237042
33. Andreassi F., (2015), “Lettura comparata dei centri storici minori”, In Finelli L, Festuccia F., Calabria in nuce, Lulu edition, ISBN: 9781326136277
34. Andreassi F., (2016), “Le trasformazioni delle città dopo le calamità naturali: il ruolo della solidarietà pubblica nella iperdotazione insediativa”, in Archivio di Studi Urbani e Regionali n. 116, pg 27-48, DOI: 10.3280/ASUR2016-116002
35. Andreassi F., Biondi S., (2016), “Permanencias conformativas y semánticas en el urbanismo popular e histórico en Querétaro” in Expresiones contemporàneas de un proceso històrico II. UNAM (MX)


 
Aumenta le dimensioni del font
Diminuisci le dimensioni del font
Stampa la pagina
Salva la pagina in formato PDF
 
Andreassi Fabio