Eventi dottorato Architettura e ambiente- gennaio 2023

Schermature solari nell’architettura contemporanea. Sintesi di una ricerca: sistemi, materiali e impatto ambientale

Locandina seminario premier 10 gennaio

Seminario
Alessandro Premier | School of Architecture and Planning, Auckland University

Schermature solari nell’architettura contemporanea. Sintesi di una ricerca: sistemi, materiali e impatto ambientale

   10 Gennaio 2023 dalle 15:00 alle 17:00
   Complesso del Santa Chiara, Aula Juharia 1° piano
   Codice Microsoft Teams: 508k86j, https://bit.ly/3CduxU8 

La progettazione delle schermature solari è spesso frutto di compromessi necessari, nonostante la loro importanza per quanto riguarda benessere ambientale e consumi energetici. La ricerca ha l’obiettivo di comprendere meglio materiali e tipologie adottati in un contesto geografico specifico (ma ampliabile) e individuare aree di sviluppo connesse all’ottimizzazione progettuale e l’impatto ambientale.

Dr Alessandro Premier is an architect and PhD in Architectural Technology (Italy). Alessandro joined the University of Auckland in 2018, where he is Senior Lecturer of Architectural Technology and is currently teaching architectural and environmental design at the School of Architecture and Planning. He is also member of the Future Cities Research Hub. He specializes in the architectural integration of innovative materials, products and technologies to improve the environmental quality of man-made spaces. He authored more than 130 publications.

Nuove frontiere dell'architettura stereotomica in pietra

Locandina conferenza Fallacara 11 gennaio

Conferenza
Introducono e coordinano: Katia Gasparini | DADU, Università degli Studi di Sassari 
Antonello Monsù Scolaro | DADU, Università degli Studi di Sassari

Giuseppe Fallacara | Politecnico di Bari - Dipartimento di Ingegneria Civile e Architettura

Nuove frontiere dell'architettura stereotomica in pietra

   11 Gennaio 2023 dalle 16:00 alle 18:00
   Complesso del Santa Chiara, Aula Juharia 1° piano
   Codice e link Microsoft Teams: 508k86j, https://bit.ly/3WWfV3o

La lecture si propone di raccontare le potenzialità inespresse della pietra strutturale e della stereotomia digitale per l'architettura contemporanea. Lo spazio “a volta” rappresenta da sempre l'ambito ideale per operare le riflessioni più sofisticate e complesse sulla costruzione architettonica. Parlare di progettazione stereotomica significa assumere un paradigma di riferimento atto alla realizzazione di architetture concepite secondo l'utilizzo di sistemi e elementi voltati, resistenti per forma, costituiti da unità discrete e giuntate a secco. La lecture s'interroga sulla possibilità di riconsegnare la spinta creativa della pietra alla progettazione architettonica contemporanea.

Professore ordinario, Politecnico di Bari, insegna Progettazione Architettonica e Stereotomia. Dottore in progettazione architettonica per i paesi del Mediterraneo e autore di numerosi prototipi a grandezza naturale e workshop sul tema dell’architettura di pietra. Autore di saggi scientifici sul design litico.  Visiting professor all'Ecole Nationale Supérieure d'Architecture Paris-Malaquais, ETSAM - Madrid, Université des Sciences Techniques et Economiques de Budapest, ISCTE Lisboa, New York Institute of Technology, Università Nazionale di Scienza e Tecnologia di Mosca MISIS. Ricercatore associato presso il laboratorio GSA Paris Malaquais.

 

COPYRIGHT IMMAGINE:

foto © GAZ BLANCO, design: Prof. Giuseppe Fallacara

Orthogonality and the Modern City

Conferenza Lee 12 gennaio

Conferenza
Min Kyung Lee

Orthogonality and the Modern City

   12 Gennaio 2023 dalle 10:30 alle 13:00 
   Complesso del Santa Chiara, Aula Piazza Juharia
   Codice e link Microsoft Teams: 3vm8oif, http://bit.ly/3XF47nc
 

This talk discusses the history of the orthographic plan and how it instantiated cultural values of modernity in France. Often taken for granted, the orthographic representation is an abstract diagram whose authority had to be established and maintained through not only symbolic but also institutional means. During the nineteenth century, orthogonal modes also gained legal authority, and beyond shaping architectural and building culture, it became the way governance was organized based on the Revolutionary values of universality, standardization, and scientific objectivity.

Min Kyung Lee is Associate Professor of the Growth and Structure of Cities at Bryn Mawr College (Philadelphia). Her primary research concerns the history of mapping, architecture and urbanism, especially related to urban representations and quantitative methods in planning. Her forthcoming book is The Tyranny of the Straight Line: Mapping Modern Paris (Yale University Press). Currently, she studies the impact of the Korean diaspora on the American built environment, looking at transnational and interracial histories of Korean immigrant and African-American communities.

COPYRIGHT IMMAGINE:

Edme Verniquet, Atlas du plan général de la ville de Paris (1795), Plate 70 Source: Bibliothèque nationale de France.

Evento idea. Analogo marziano: com'è nata l'idea di Lanzarote (isole Canarie)

Evento Stelletti 13 gennaio

Evento a cura dei dottorandi e delle dottorande

Evento IDEA
Myriam Stelletti

Analogo marziano: com'è nata l'idea di Lanzarote (isole Canarie)

   13 Gennaio 2023 dalle 10:00 alle 11:00
   Asilo Sella, Aula A 2° piano
   Codice Microsoft Teams: 3vm8oif - https://bit.ly/3ROeIrR

Gli studi su siti analoghi marziani presenti sulla Terra sono indispensabili in quanto aiutano a comprendere i processi geologici, chimici, biologici e ambientali che avvengono in altri corpi del Sistema Solare. I risultati sono successivamente estrapolati per interpretare e convalidare i dati ricevuti dagli orbiter o dai rover planetari. Lanzarote (Isole Canarie) è stata scelta come migliore analogo marziano date le sue particolari condizioni climatiche e le sue caratteristiche geologiche. Da qui la scelta di analizzare diversi ambienti sedimentari per comprendere l'evoluzione geocronologica del pianeta Rosso.

Lisbona parla francese

Locandina lezione Riva 13 gennao

Lezione
Introduce e coordina: Matteo Carmine Fusaro | DADU, Università degli Studi di Sassari
Stefano Riva

Lisbona parla francese

   13 Gennaio 2023 dalle 17:00 alle 18:00
   Complesso del Santa Chiara, Aula 7
   Codice e link Microsoft Teams: 3vm8oif, https://bit.ly/3IqibLY

Lisbona, fondata dai Fenici, successivamente occupata dai Romani, dai Mori ed infine scossa dal tremendo terremoto del 1755, sta attualmente vivendo una forte trasformazione iniziata intorno al 2017. Lo sconvolgimento urbano e sociale che coinvolge la città in questi anni recenti poco dipende da scelte politiche o urbanistiche e molto da fenomeni di speculazione economica e migrazioni ricche, in cerca di territori e occasioni di nuovi insediamenti con qualità, offrendo un territorio alternativo ai mercati saturi del nord l’Europa.

Evento ricompreso all'interno dell'attività didattica "Nuovi approcci alla complessità abitativa".

Stefano Riva è un architetto con base a Lisbona. Dopo la formazione iniziale, realizzata all’Istituto Statale d’Arte di Monza e poi al Politecnico di Milano, ha cominciato a muoversi tra l’Italia e il Portogallo dove vive e lavora dal 1995. Ha iniziato la propria attività collaborando con lo studio ARX Portugal Arquitectos, finché nel 2004 ha aperto a Lisbona il proprio studio. Accanto alla sua attività professionale ha tenuto conferenze presso il DADU di Alghero e il Politecnico di Milano.

 

COPYRIGHT IMMAGINE: Copyright Stefano Riva

Indisciplinare tutto! Esperienze di ricerca tra environmental humanities e political ecology.

Lezione Armiero 17 gennaio

Conferenza
Marco Armiero | Università Autonoma di Barcellona

Indisciplinare tutto! Esperienze di ricerca tra environmental humanities e political ecology.

   17 Gennaio 2023 dalle 10:30 alle 13:00 
   Complesso del Santa Chiara, Aula Santa Croce 1° piano 
   Codice e link Microsoft Teams: 3vm8oif, http://bit.ly/3u7NOSr

Dal 2016, l’Environmental Humanities Laboratory di Stoccolma, del quale sono stato direttore per dieci anni, ha scelto come slogan: ‘Indiscipliniamo le scienze umane dal 2011’, ovvero dall’anno di fondazione del laboratorio. La nostra T-shirt dice che non saremo disciplinati. Spesso collegh* mi hanno chiesto cosa intendiamo con questi slogan, che cosa significa essere indisciplinati. In genere la mia risposta è che questa è anzitutto una dichiarazione di principio, o per usare le parole di Tomas Pernecky (2020, 15), un Act of declaration.

Durante questo incontro proverò a spiegare le reagioni della indisciplina e a collegarle ai campi multidisciplinari delle environmental humanities e della political ecology. Lo farò in maniera decisamente empirica, a tratti autobiografica, raccontandovi alcuni progetti di ricerca che ho sviluppato nel corso della mia carriera, sempre segnata da una passione irresistibile per le cause perse e sempre schierata.

Il Professor Armiero sarà collegato online da Stoccolma.

Marco Armiero è ICREA Research Professor all’Università Autonoma di Barcellona e dal 2019 è il presidente della European Society for Environmental History. Per quasi dieci anni ha diretto l'Environmental Humanities Laboratory del KTH di Stoccolma. Ha svolto attività di ricerca presso la Yale University, la University of California, Berkeley, e la Stanford University. È stato Marie Curie fellow presso la Università Autonoma di Barcellona e Visiting Researcher al Centro di Studi Sociali dell'Università di Coimbra. È stato nominato Barron Visiting Professor di Environmental Humanities presso la Princeton University.

 

COPYRIGHT IMMAGINE:
Copyright Giulia Armiero

Locandina Seminario Vaccari 17 gennaio

Seminario
Ezio Vaccari | Università degli Studi dell’Insubria

La storia delle Scienze della Terra tra metodi di ricerca interdisciplinare, valorizzazione dei geositi e geoturismo storico: il caso delle Alpi

   17 Gennaio 2023 dalle 16:30 alle 18:45
   Asilo Sella, Aula B  1° piano
   Codice e link Microsoft Teams: bSXmyK, https://bit.ly/3HNGRha

One of the most evident problems related to cultural tourism concerning the geosciences in Alpine regions is the lack of coordination of relevant places, sites and routes. Geoparks, mining parks, ecomuseums, geosites, geotrails or mining trails are located in diverse areas and based on locally developed different projects. The main challenge of this paper is to propose a tool for connecting these resources on a transnational basis, through the revaluation of their history, establishment of new routes (also with multimedia content) and the promotion of a network of websites. The project intends to undertake an interdisciplinary approach in order to increase the valorization of the geological cultural heritage through the history of geosciences and mining in the Alpine region.

Ezio Vaccari, professore ordinario di Storia della Scienze e delle Tecniche e direttore del "Centro di ricerca sulla storia della montagna, della cultura materiale e delle scienze della Terra" all’Università degli Studi dell’Insubria, dove insegna "Storie di Scienze e Tecnologie del Presente", "Storie della Storiografia" e "Storia e risorse della montagna". E’ Presidente dell’International Commission on the History of Geological Sciences dell'International Union of Geological Sciences. Si occupa di storia di scienze della Terra ed in particolare delle relazioni tra geologia e tecniche minerarie in età moderna e contemporanea, dello sviluppo storico delle forme di comunicazione scientifico-tecnica e di storia delle scienze naturali e della cultura materiale in territorio montano.

Evento Arte. Beka & Lemoine, Moriyama-San. Proiezione e dibattito.

Locandina evento Fusaro 18 gennaio

Evento a cura dei dottorandi e delle dottorande

Evento ARTE
Matteo Carmine Fusaro

Beka & Lemoine, Moriyama-San. Proiezione e dibattito.

   18 Gennaio 2023 dalle 17:00 alle 19:00
   Asilo Sella, Aula B 2° piano 
   Codice Microsoft Teams: 3vm8oif - https://bit.ly/3ROeIrR

Attraverso Moriyama-San, i registi Beka & Lemoine descrivono la domesticità che si crea nella residenza del signor Moriyama, una delle più famose architetture giapponesi contemporanee. A partire dalla visione del film, l’evento propone di sollevare una serie di questioni aperte sullo spazio domestico e di discutere le principali caratteristiche della Moriyama House in relazione alla complessità dello scenario abitativo contemporaneo.

Il film (dalle 17.00 alle 18.00) sarà proiettato esclusivamente in presenza.

Forma e Geometria tra effimero e permanente. Disegni e progetti per l’architettura costruita.

Locandina Conferenza Zerlenga 20 gennaio

Conferenza
Ornella Zerlenga

Forma e Geometria tra effimero e permanente. Disegni e progetti per l’architettura costruita.

   20 Gennaio 2023 dalle 09:00 alle 10:00
   Complesso del Santa Chiara, Aula Santa Croce 2° piano
   Codice Microsoft Teams: 7oe37y3

Disegni e progetti per l’architettura costruita: studio della configurazione geometrica dell’elemento architettonico del corpo scala del Palazzo Santoro come spazio rappresentativo dell’architettura a Napoli.

Ornella Zerlenga è Professore Ordinario in Disegno e Direttore del Dipartimento di Architettura e Disegno Industriale Università della Campania Luigi Vanvitelli. È stata: Presidente dei corsi di laurea in Design e Comunicazione, Design per la Moda, Architettura; delegata del Rettore per la Didattica a distanza; componente e responsabile di progetti di ricerca nazionali e internazionali. È direttore della collana Temi e frontiere della conoscenza e del progetto per i tipi editoriali di La scuola di Pitagora. È componente del Comitato Tecnico-Scientifico dell’associazione scientifica nazionale Unione Italiana per il Disegno e, dal 2019, Tesoriere.

COPYRIGHT IMMAGINE: Immagine a cura di Vincenzo Cirillo

Forma e Geometria tra effimero e permanente. Disegni e progetti per l’architettura costruita.

Locandina Conferenza Cirillo 20 gennaio

Conferenza 
Vincenzo Cirillo

Forma e Geometria tra effimero e permanente. Disegni e progetti per l’architettura costruita.

   20 Gennaio 2023 dalle 10:00 alle 11:00
   Complesso del Santa Chiara, Aula Santa Croce 2° piano
   Codice Microsoft Teams: 7oe37y3

Studio della configurazione geometrica e restituzione grafica della composizione e successione dei diversi elementi architettonici che compongono la Fiera del 1738 a Napoli.

Vincenzo Cirillo è RTDB presso il Dipartimento di Architettura e Disegno Industriale, UniCampania Luigi Vanvitelli. Membro del collegio dei docenti del Dottorato Industriale in Tecnologie per ambienti di vita resilienti e in Architettura e Beni Culturali. Collabora con il laboratorio Sens i-lab del Dipartimento di Architettura e Disegno Industriale della Vanvitelli nell’ambito di ricerche sulle visualizzazioni virtuali di contesti tangibili e intangibili. Fra i suoi interessi di ricerca si segnalano l’analisi geometrica dello spazio architettonico, la rappresentazione digitale dell’architettura e dell’ambiente, l’analisi grafica di progetti di design e di comunicazione visiva.

 

COPYRIGHT IMMAGINE: Immagine a cura di Vincenzo Cirillo

Evento Uno contro tutti. Cambiamenti climatici: ipotesi e discussioni sulla resilienza di Posidonia oceanica.

Locandina Evento stipcich 20 gennaio

Evento a cura dei dottorandi e delle dottorande

Evento UNO CONTRO TUTTI
Patrizia Stipcich

Cambiamenti climatici: ipotesi e discussioni sulla resilienza di Posidonia oceanica.

   20 Gennaio 2023 dalle 11:00 alle 12:00
   Complesso del Santa Chiara, Aula Juharia 1° piano
   Codice Microsoft Teams: 3vm8oif - https://bit.ly/3ROeIrR
 

Il riscaldamento globale, accelerato soprattutto dall’azione dell’uomo negli ultimi 150 anni, sta avendo diverse conseguenze su tutti gli ecosistemi terrestri e marini. All’interno del nostro mare, il Mar Mediterraneo, la temperatura superficiale dell’acqua sta aumentando ad una velocità maggiore rispetto alle acque degli oceani e molte specie stanno tentando di reagire al cambiamento climatico mettendo in atto diverse strategie. Secondo molti studi, la fanerogama marina Posidonia oceanica potrebbe risentire dell’aumento di temperature diminuendo anche la sua capacità di fornire beni e servizi. Tuttavia, poiché l'evoluzione di P. oceanica è avvenuta in condizioni tropicali/subtropicali per decine di milioni di anni, ci si potrebbe aspettare anche una qualche forma di resilienza evolutiva alle alte temperature. Durante questo seminario verranno esposti i risultati di diversi esperimenti svolti durante gli anni del dottorato che mostrano come questa pianta sta reagendo a temperature piuttosto elevate e ad eventi estremi.

Giuseppe Terragni oltre il razionalismo: la Villa Bianca a Seveso

Locandina conferenza 24 gennaio

Conferenza
Antonino Saggio | Università La Sapienza, Roma

Giuseppe Terragni oltre il razionalismo: la Villa Bianca a Seveso

   24 Gennaio 2023 dalle 09:00 alle 11:00
   Complesso del Santa Chiara, Aula Juharia 2° piano
   Codice Microsoft Teams: ibs51bk

Giuseppe Terragni (1904-1943) è unanimemente riconosciuto come il più rilevante architetto italiano della prima metà del Novecento. A ventiquattro anni ha costruito il primo edificio moderno nel nostro paese, a ventinove progettato un caposaldo dell’architettura mondiale, a trentatré dimostrato che con cemento e vetro è possibile costruire poesia. La lezione ripercorrere i tratti salienti della sua figura e traccerà brevemente il portato delle sue opere principali, non solo quelle citate ma altre tra le quali la Casa Rustici, Il Danteum, la Casa Giuliani Frigerio e la Villa Bianca. Nella seconda parte della lezione l’attenzione sarò concentrata sulla Villa Bianca a Seveso. La lezione nel suo insieme infatti vuole essere una lezione di Composizione architettonica e urbana e non di Storia. Lo scopo è indicare non solo il quadro generale e culturale di una rilevante figura di architetto, ma scendere nelle sue metodologie progettuali al fine, naturalmente, di stimolare la ricerca personale.

Antonino Saggio è professore Ordinario di Composizione Architettonica e Urbana a "Sapienza" Università di Roma. Tre i filoni fondamentali della sua attività. Il primo sonda i risvolti per la teoria, ma anche per lo sviluppo del progetto, dell'informatica. L'approccio è di tipo teorico-critico e non immediatamente istruttivo. Il secondo lega l’attività di docente di progettazione e di architetto allo sviluppo di una teoria e di una critica della architettura. La terza area è concentrata nello sviluppo del progetto e della sua didattica nell'ambito delle Case basse ad alta densità nella città costruita e nella diffusione del Cohousing nella cultura italiana.

 

Evento UNO CONTRO TUTTI. End of Waste e criteri di idoneità al re-impiego

Locandina evento 27 gennaio

Evento a cura dei dottorandi e delle dottorande

Evento UNO CONTRO TUTTI
Massimiliano Campus

End of Waste e criteri di idoneità al re-impiego

   27 Gennaio 2023 dalle 15:00 alle 16:00
   Asilo Sella, Aula B 2° piano
   Codice Microsoft Teams: 3vm8oif - https://bit.ly/3ROeIrR

Il tema della “Cessazione di qualifica di rifiuto” è ancora poco sviluppato nel campo delle costruzioni. Le attuali pratiche di valutazione delle potenzialità dei componenti edili da post-consumo non riescono a superare le barriere tecniche, normative, culturali e di mercato che rallentano i processi di valorizzazione dei rifiuti di settore. L’individuazione di “criteri di idoneità al re-impiego” potrebbero dare un contributo importante alle attività di recupero e riuso di tutti quei materiali residui che rimangono esclusi dalle procedure di ’’End of Waste”.

I Parchi Regionali tra vincoli normativi e servizi ecosistemici. Prospettive e generazione di valore

Locandina evento 28 gennaio

Convegno
Introduce e coordina: Ilena Sacconi | DADU, Università degli Studi di Sassari
Saluti di Stefano Secci Direttore del Parco di Molentargius Saline e Claudio Maria Papoff, Direttore
Fabio Salbitano | Professore Associato, Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agrarie, Alimentari, ambientali e Forestali Università di Firenze
Enrico Trogu | Direttore Archivio di Stato di Cagliari 
Alessandro Plaisant | Professore Associato Dipartimento e Architettura, Design e Urbanistica Università di Alghero 
Paolo Mossone | Parco Scientifico e Tecnologico della Sardegna, sede di Oristano
Antonio Pusceddu | Professore ordinario di Scienze Biologiche Università di Cagliari

I Parchi Regionali tra vincoli normativi e servizi ecosistemici. Prospettive e generazione di valore

   28 Gennaio 2023 dalle 09:30 alle 13:30
   Parco naturale Regionale Molentargius Saline -Cagliari, Sala Congressi  "Helmar Schenk". 
   Codice e link Zoom: 319602, https://zoom.us/j/96293238851?pwd=TUk5b05YZDhNSnVMSWVHM2hObGZOUT09

La comprensione su come generare valore nei Parchi naturali è un tema complesso e articolato. Da qui partono esempi concreti e studi alla ricerca di metodologie che riescano a coniugare sostenibilità, rispetto per l'ambiente e co-partecipazione nelle scelte degli attori coinvolti, siano essi istituzionali o semplici fruitori occasionali.

 

Fabio Salbitano: Professore Associato DAGRI Firenze;

Enrico Trogu: Direttore Archivio Stato Cagliari;

Alessandro Plaisant: Responsabile scientifico agenda metropolitana per lo sviluppo sostenibile;

Paolo Mossone: Direttore della Fondazione IMC Sardegna, sede di Oristano;

Antonio Pusceddu: Board Member della International Association for Ecology (INTECOL), Vice-Presidente della Società Italiana di Ecologia (2019-2022).